CAFE' DU PARC - LA STORIA

Venticinque anni fa nasceva la manifestazione che sino ad oggi ed ininterrottamente è stata sempre presente nell’estate fiuggina. Nata, in origine, come festival internazionale ha prodotto ed ospitato, provenienti da ogni paese Europa, spettacoli di prosa, di danza, di musica ed incontri culturali.


Con la crisi dell’Azienda termale, della municipalità e della economia locale la manifestazione negli ultimi hanno si è distinta solamente per i suoi incontri culturali che ogni venerdì si tengono presso il parco della Fonte Bonifacio VIII ad ingresso libero. In venti anni si sono avvicendati oltre trecento ospiti (per ricordarne qualcuno Giulio Andreotti, Andrea Camilleri, Antonino Zichichi, Nantas Salvalaggio, Fausto Bertinotti, Irene Pivetti, Alfredo Todisco, Massimo Teodori, Giordano Bruno Guerri, Antonio Spinosa, Giuseppe Bonaviri, Alberto Lionello, Piero Badaloni, Oliviero Beha, Piero Melograni, Lindsay Kemp, Tinto Brass, Lina Sotis, ecc.). Gli incontri culturali alla Terme, denominati Cafè du Parc, sono cresciuti nel tempo e considerati per longevità e qualità al pari di quelli di Cortina, Sanremo e della Versiliana.

La manifestazione, nel panorama nazionale di simili eventi, gode di buona stampa tanto da aver avuto la prima pagina de La Repubblica e del londinese Times per il D’annunzio pornodivo presentato nel 1996 e l’attenzione della stampa di mezzo mondo, con 22 televisioni e gli inviati di tutte le più prestigiose testate, per l’evento di Andreotti attore (4 agosto 1995, Disputa forense tra Bonifacio VIII e Sciarra Colonna) trasmesso per intero su Rai2.
Con la ventunesima edizione gli incontri del Cafè du Parc sono stati, e così saranno per il futuro, dedicati ad autori di saggi, romanzi e biografie storiche. Delle vere e proprie Lezioni di Storia tenuti dagli autori di libri partecipanti al Premio FiuggiStoria.

La Dolcetta d’Oro
PREMIOFIUGGI-EROTISMO&SCRITTURA


Ogni 14 luglio, e siamo alla VII edizione nel 2011, nello spazio del Cafè du Parc della Fonte Bonifacio VIIII si tiene la cerimonia del Premio Fiuggi-Erotismo&Scrittura- La dolcetta d’Oro abbinata, come sempre, ad un convegno sul tema della scrittura al femminile.
Il premio letterario “La dolcetta d’oro” deriva il curioso nome dal termine con cui D’Annunzio amava chiamare il sesso femminile.
Le precedenti edizioni del premio, unico nel suo genere in Italia e mutuato dal famoso premio spagnolo de “La Sonrisa vertical”, sono state vinte da Una Chi al secolo Bruna Bianchi, Teresa Giulietti ,Francesca Mazzucato, Veronique Olmi ,Gloria Vanderbilt e Rodesia Vichi. Presiede la giurìa dei cento lettori lo scrittore franco-polacco Xavier Wuz. Il presidente dei giurati delle prime due edizioni è stato il regista portoghese Joao Cesar Monteiro
Ideato da Pino Pelloni questo premio è da sempre l’occasione del confronto tra scrittrici italiane e straniere, autrici di romanzi e racconti erotici, figlie e nipotine delle grandi pioniere del genere, da Colette ad Anais Nin, da Pauline Réage a Catherine Millet.