MORTO A 95 ANNI STEPHANE HESSEL

E’ morto a 95 anni Stéphane Hessel, l’autore del libretto “Indignatevi!” (”Indignez vous”), circa 20 pagine divenute nel 2011 un caso editoriale e politico, che ha ispirato il movimento giovanile degli Indignados. Lo ha annunciato la moglie. Nato a Berlino nel 1917 da una famiglia ebrea, aveva combattuto nella Resistenza francese durante la Seconda guerra mondiale ed era stato deportato nel campo di concentramento di Buchenwald. Il politico, scrittore e diplomatico, nato a Berlino il 20 ottobre 1917 da una famiglia ebrea, aveva combattuto nella Resistenza francese durante la Seconda guerra mondiale ed era stato deportato nel campo di concentramento di Buchenwald.  L’intellettuale francese, combattente partigiano durante l’occupazione tedesca in Francia, “è morto nella notte”, ha annunciato la moglie Christiane Hessel-Chabry.  Nel 1981 fu nominato “Ambasciatore di Francia” da Francois Mitterand. Impegnato a favore dei sans-papiers e della causa palestinese, aderì al boicottaggio dei prodotti israeliani e alle accuse di anti-semitismo, rispose così: “Mio padre era ebreo, sono scampato a Buchenwald, le accuse di antisemitismo non mi sfiorano”.  Nel 2009 si presentò nella lista di Europe Écologie, restando tuttavia membro del Partito socialista francese e fino all’ultimo ha sostenuto con impegno Martine Aubry, l’ex segretario del Ps e sua amica. Nel 2011 Hessel aveva pubblicato un altro libro, dal titolo “Impegnatevi!”.(Giovanna Napolitano/com.unica 27 febbraio 2013)