La lezione di Rita Levi-Montalcini


Venerdì 9 settembre, alle ore 17,30 nell’abituale spazio del Cafè du Parc della Bonifacio VIII, Pino Pelloni presenta “La lezione di Rita Levi-Montalcini” (Rizzoli) scritto da Giuseppina Tripodi.


“Questo saggio racconta il mio lungo percorso di vita e di lavoro: ne emergono gli interessi e le iniziative verso le quali sono stata da sempre attratta, iniziative che hanno, per me, un grande valore etico”. Così Rita-Levi-Montalcini sintetizza i temi e le riflessioni che Giuseppina Tripodi, da oltre quarant’anni sua fidata collaboratrice, ha intrecciato in questo libro narrando la storia, l’altruismo, gli insegnamenti, le scoperte e le battaglie accorate. All’inizio della sua attività, Rita Levi-Montalcini voleva andare in Africa a curare i lebbrosi e nel corso della sua lunga vita è rimasta idealmente fedele a questo scopo, che è poi riuscita a realizzare grazie alla sua Fondazione da sempre orientata a difendere il ruolo della donna, elevare il livello culturale femminile e la consapevolezza dei propri mezzi.


“Il suo impegno sociale – scrive la Tripodi – contagia le persone, le motiva a confrontarsi con il mondo circostante e a muoversi in una realtà in costante mutamento, senza più confini se non quelli determinati dalle distanze sociali e culturali”.
Il libro che viene presentato al pubblico della Bonifacio VIII, oltre a fornirci un ritratto inedito e sincero della grande scienziata, ci restituisce il senso più profondo della sua vita, “la centralità della persona e il fine ultimo del concetto della ragione d’essere”, per dimostrare che anche la più straordinaria scoperta sarebbe sterile, se non fosse rivolta al miglioramento della vita dell’umanità, e in particolare di coloro che soffrono.